La libertà di una donna di essere felice e un po' troia!

La libertà di una donna di essere felice… e un po’ troia!

Oppure no? 🤔

Non capisco se questo sia un malinteso diffuso, dal momento che per molto tempo ho pensato che prostituta e troia avessero lo stesso significato. Adesso mi rendo conto che non lo hanno!
La prostituta fa un lavoro, mentre la troia ecco… acquisisce un significato più ambiguo.

Il termine troia è più confuso e usato più liberamente. L’unica cosa certa è che questa parola definisce qualcuno in maniera dispregiativa!

E non incolpiamo gli uomini! Il più delle volte la parola troia è un termine usato dalle donne per definire altre donne…

“Quella? Quella è una grandissima troia!”

Tempo fa mi sono imbattuta in un movimento contro la violenza sulle donne.
È iniziato con una protesta contro alcuni commenti rivolti a una ragazza violentata. Commenti che sottolineavano che le donne, se non volevano essere delle vittime, non avrebbero dovuto vestirsi da troie!
In risposta a queste affermazioni, io dico:

“Sì, sono una troia!”

Questa parola, usata da molte persone per denigrare altre, fa davvero sentire superiori?! Mi chiedo:

“E anche se lo fossi? Chi sei tu per trattarmi come una merda? Chi sei per dire come devo comportarmi?”

E’ brutto credere che nella nostra società “evoluta”, ci siano ancora donne trattate come esseri inferiori. Tuttavia siamo in un mondo in cui non solo gli uomini, ma anche le donne trattano altri individui come se fossero degli oggetti.
Una società che impone cosa indossare, cosa dire, come comportarsi. Per non essere insultata, violentata… o addirittura uccisa!

Chi ha detto che non posso indossare una minigonna cortissima per uscire di casa?
Perché devo avere paura che possa capitarmi qualcosa di brutto solo per aver indossato una maglietta che scopre il mio ombelico?
Ma soprattutto, quando abbiamo iniziato a pensare che non si deve indossare qualcosa in modo che la gente non giudichi?

Quando una donna può essere considerata una troia?

Continuo a non capire bene il significato intrinseco della parola… Dallo stato dei fatti, però, quello che si evince è che una donna può essere tranquillamente additata come “troia” se:

  1. E’ sessualmente attiva prima del matrimonio.
  2. Si veste in modo “provocatorio”.
  3. E’ divorziata.
  4. Ha delle avventure di una notte soltanto.
  5. Predilige relazioni senza vincoli.
  6. Ha avuto molte relazioni.
  7. Ha più amici che amiche.
  8. Torna a casa tardi.
  9. Ha dei tatuaggi e/o dei piercing
  10. Dice parolacce
  11. Beve e fuma
  12. Si trucca (soprattutto con il rossetto rosso!)
  13. Sorride sempre a tutti.
  14. Guarda film porno.
  15. Ambisce ad una carriera professionale.

Ok. Adesso certamente le idee mi sono più chiare! Penso di sapere cosa rende una donna troia!

Cerchi un lavoretto da svolgere comodamente da casa tua? Scopri come guadagnare in modo semplice e veloce! Clicca qui per leggere tutte le Informazioni oppure scrivimi!

Ma tornando a noi: sono troia oppure no?

Beh, posso affermare intanto di essere “figa”! Mi spiace dirlo… così senza mezzi termini, però è la verità!
Sono sempre stata una donna di bell’aspetto, sicura del mio corpo e della mia sensualità… e quindi corteggiata.
E quando sei figa si sa, attiri le attenzioni di molti uomini.
D’altronde, è noto che per definizione le fighe sono un po’ troie!

Quindi sì! Sono una troia.

Inoltre ho sempre lavorato. E anche da molti anni sapete… Il mio settore? Quello manageriale.
Ho fortemente voluto far carriera per essere indipendente e guadagnare bene (a volte è capitato di guadagnare anche di più di un uomo).
Non ricordo più ormai quanto spesso mi hanno dato della troia arrivista e femminista.
Dunque anche per questo, sono una troia.

Figa, arrivista, femminista e in carriera. E troia.

Avere dei pensieri, degli ideali e il diritto di scegliere… fa di me una troia. Ma già che ci siamo, direi anche essere espressiva potrebbe fare di me una troia? Chi lo sa… Ma andiamo avanti!

A volte al ristorante, capita di bere piacevolmente del buon vino insieme alla compagnia di alcune amiche.
E se poi ritengo che non sia una scelta appropriata darla al cameriere che mi versa da bere nel bicchiere?!

Figa, arrivista, femminista, in carriera e ubriacona. E troia.

Ah, dimenticavo. Sono anche vegetariana.
Ed è davvero uno spasso sentire le battute degli uomini di come questa dieta mi veda accostata spesso alle “banane”. Oppure se a volte senta la mancanza di un bel “pezzo di carne…”

Figa, arrivista, femminista, in carriera, ubriacona e vegetariana. E troia.

Chiedo un preventivo al muratore per ristrutturare la casa nuova che ho appena comprato grazie ai risparmi di una vita. E scusatemi se non mi viene nemmeno per sogno di chiedergli di farmi vedere il suo “grande trapano”.

Figa, arrivista, femminista, in carriera, ubriacona, vegetariana e lesbica. E troia.

Per giunta vado anche in palestra!  Di tanto in tanto mi piace mantenermi in forma e fare esercizio fisico.
Mi è capitato così, di conoscere molti istruttori e di ascoltare, per gentilezza, le loro storie su presunte prestazioni fisiche… che al confronto l’intera federazione nazionale di atletica maschile italiana sarebbe arrossita!
Ma nulla da fare. Perché al mio rifiuto di provare i loro “attrezzi” (e non mi riferisco al bilanciere e ai pesi), indovinate un po’ come sono improvvisamente diventata per tutta la palestra?!

Figa, arrivista, femminista, in carriera, ubriacona, vegetariana e lesbica, tuttavia… in forma smagliante. E troia.

E se per togliermi ogni dubbio, giusto per stare tranquilla, mi balenasse in testa l’idea di eliminare del tutto il sesso dalla mia vita?!

Figa, arrivista, femminista, in carriera, ubriacona, vegetariana, lesbica, in forma smagliante e frigida. E troia.
Ma non ero frigida?
Sì. Ma più troia!
Giusto!

Dunque… sono una troia. E’ un’identità complicata e piena di svuotamento, lotta e resistenza. Essere troia mi è stato imposto e usato contro di me e sì, io e molte altre donne siamo state in grado di trovare modi diversi, nuovi e potenti di relazionarci con questa parola!

Ho capito. Essere nata donna fa di me quindi una troia.

In tal caso, sì, sono una troia… E non mi pento di esserlo!

Luna ❤️

© Copyright 2014-2020 | La Vicina di Casa ® | Tutti i diritti sono riservati | E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE.

[email protected]

Disclaimer

Le dichiarazioni e le testimonianze utilizzate e pubblicate in questo sito rappresentano dei risultati possibili. Non vi è tuttavia alcuna garanzia che tutti quanti possano raggiungere lo stesso esito, in quanto variabile nel tempo, basato su capacità individuali, esperienze personali ed impegno profuso.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?