Cockfishing, quando le dimensioni del pene contano nelle app di incontri!

Cockfishing, quando le dimensioni contano!

Dal “Catfishing”, termine con il quale vengono identificati coloro che in rete si appropriano dell’identità di altre persone, incluso rubargli il nome o le foto dal profilo pubblico, siamo passati al “Cockfishing”: nuovo termine che si riferisce a quella parte degli internauti che manipola la foto del loro pene per aumentare la propria virilità nelle app di incontri!

Quindi, riepilogando: mentre un Catfish nasconde praticamente la sua identità, il Cockfish è interessato solo a cambiare l’identità del suo pene! Facile no?!

Noto maggiorente all’estero anche come “Catcocking”, il nomignolo viene attribuito quindi a chi modifica le dimensioni del proprio organo genitale per farlo sembrare molto più grande di quanto non sia in realtà!

Come avviene il Cockfishing?

Nel Cockfishing si ricorre ad alcuni trucchetti molto semplici ma si deve avere un po’ d’occhio per smascherarli:

  • Di norma il “foto ritocco” è la tecnica più utilizzata perché più difficile da scoprire.
  • Vengono scattate foto accanto ad oggetti che potrebbero rendere il pene più grande.
  • Molto più raramente vengono utilizzati degli obiettivi speciali.

Ti piacerebbe arrotondare online? Considera questa opportunità e richiedi Info alla pagina Contatti.
Oppure passa subito all’iscrizione ed inizia a guadagnare da casa!

Ma quale è la misura del pene preferita dalle donne?

La scienza ci viene in soccorso! Una ricerca condotta dell’Università della California a Los Angeles e della Università del New Mexico su 75 donne, ha visto le protagoniste confrontarsi con 33 peni di gomma stampati in 3D di varie dimensioni e di colore blu per evitare preferenze sul colore della pelle.

Le condizioni del test imposte alle donne erano due:

  1. Optare nella scelta del pene in base ad un rapporto occasionale.
  2. Optare nella scelta del pene in base ad una relazione seria e duratura.

Dallo studio è emerso che la maggior parte di loro ha preferito un pene lungo 16,3 centimetri per un rapporto occasionale. Superando di poco la media degli uomini con 15,7 cm di lunghezza.
Per un rapporto duraturo nel tempo invece, le dimensioni sono calate a 16 cm di lunghezza.

I risultati hanno dimostrato che l’ago della bilancia dell’interesse femminile in un pene, va oltre le dimensioni.
Scegliendo solo quelli di pochissimo superiori alla media, è stata smitizzata di fatto la leggenda che un pene enorme soddisfi di più in un rapporto sessuale!

Nonostante gli studi rivelino che le donne in realtà preferiscono un pene di dimensioni medie o leggermente superiori alla media, sembra che alcuni uomini non possano resistere all’impulso di essere un Cockfish: atteggiamento rappresentativo se non altro di un livello di malcontento generale riguardo alle dimensioni del proprio pene.
Altrimenti, perché dovrebbero fare di tutto per farlo apparire più grande?!

Ti stai chiedendo perché gli uomini inviano le immagini dei loro genitali?

Secondo alcuni ricercatori della Kwantlen Polytechnic University in Canada, che quest’estate hanno pubblicato il primo studio empirico sull’argomento, il comportamento di questi uomini è collegato a livelli elevati di narcisismo e sessismo:

“Gli uomini possono trovare nel cyber-flashing (mostrare le parti genitali) una sorta di potere sulle donne, indipendentemente che queste provino eccitazione, si sentano ferite e scioccate, si arrabbino, siano felici, divertite o soddisfatte”, dicono i ricercatori.

Ci sono dei modi per smascherare il Cockfishing nelle app di incontri?

Sì! A quanto pare ci sono dei modi per accorgersi della fregatura!
Come avviene in tutte le foto photoshoppate, ti basterà cercare semplicemente dei bordi sfocati o delle linee ondulate sospette.
Inoltre, tieni d’occhio anche qualsiasi tipo di illusione ottica, come ad esempio il posizionamento di un oggetto molto piccolo direttamente accanto al pene per farlo apparire più grande.

Curiosità sul Cockfishing.

E’ buffo notare che il fenomeno del Cockfishing nelle app di incontri, è dilagato subito dopo la scoperta delle fotocamere integrate del nuovo iPhone 11.
Ma anche di altri dispositivi mobili Android di ultimissima generazione come il Galaxy e l’Huawei.
Le fotocamere di questi dispositivi sono in grado di esagerare digitalmente la dimensione delle cose con i loro obiettivi grandangolari, in modo da eseguire lo zoom direttamente partendo dal centro!

E la magia del Pene Fake è pronta e servita! 😉

© Copyright 2014-2019 | La Vicina di Casa ® | Tutti i diritti sono riservati | E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE.

[email protected]

Disclaimer

Le dichiarazioni e le testimonianze utilizzate e pubblicate in questo sito rappresentano dei risultati possibili. Non vi è tuttavia alcuna garanzia che tutti quanti possano raggiungere lo stesso esito, in quanto variabile nel tempo, basato su capacità individuali, esperienze personali ed impegno profuso.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?