1° dicembre, giornata mondiale contro l'AIDS

Riconosciuta per la prima volta nel 1988, la Giornata mondiale contro l’AIDS cade il 1° dicembre di ogni anno

La Giornata mondiale contro l’AIDS è dedicata alla divulgazione della consapevolezza sulla pandemia di AIDS diffusa dell’infezione da HIV e al lutto per coloro che sono morti a causa di questa malattia.

Circa 40 milioni di persone in tutto il mondo sono morte di AIDS dal 1981 e circa 37 milioni vivono con l’HIV, rendendolo uno dei problemi di salute pubblica più importanti nella storia registrata. Nonostante i recenti miglioramenti nel trattamento, l’epidemia di AIDS continua a provocare circa due milioni di vittime ogni anno, di cui oltre 250.000 sono bambini.

Indossare un nastro rosso è il modo più ampiamente riconosciuto di mostrare il tuo sostegno durante la Giornata mondiale contro l’AIDS.

Il rosso simboleggia il sangue e il dolore causato dalla malattia, la rabbia per l’inazione globale per combattere l’epidemia. Un avvertimento per prendere sul serio la malattia e un simbolo di amore, passione e tolleranza nei confronti delle persone colpite dalla malattia.

Dopo tanta ricerca una buona notizia!

Nella conferenza del 12 novembre scorso, a cui hanno partecipato l’Icar (Italian Conference on Aids and Antiviral Research), la Lila (Lega italiana per la lotta contro l’Aids) e la Simit (Società italiana di malattie infettive e tropicali), è stato definitivamente confermato il fondamento del principio U=U (“Undetectable=Untrasmittable”, che tradotto significa “Non rilevabile=Non trasmissibile”).

Che cosa significa “Non rilevabile=Non trasmissibile”?

“Non rilevabile” significa che un test non può rilevare la quantità di virus in un campione di sangue da una persona che vive con l’HIV. Qualcuno che è “Non rilevabile” per 6 o più mesi continui durante il trattamento, non trasmette il virus. Quindi diventa “Non trasmissibile”.
Questa è anche chiamata “Soppressione virale”. Essere “Non rilevabili” e “Soppressi viralmente” sono spesso usati in modo intercambiabile. Entrambi indicano quindi che la trasmissione non avverrà.

“Non rilevabile” però non significa che non ci sia HIV nel sangue. Significa solo che il virus viene controllato. Se una persona con HIV non rilevabile interrompe i suoi farmaci, il virus tornerà ad essere rilevabile, aumentando il rischio di trasmissione.

Dopo 36 anni dalla scoperta del virus le persone sieropositive possono scrollarsi di dosso il timore di contagiare qualcuno!

Dona a un’organizzazione benefica per l’AIDS.

Ci sono una serie di organizzazioni no profit nazionali e internazionali dedicate alla lotta contro la malattia e i problemi associati alla sua diffusione.
Controlla online e valuta se desideri sostenere un’organizzazione in Italia, dove i decessi sono in declino dalla metà degli anni ’90 ma l’infezione continua a colpire migliaia di persone ogni anno: in base ai dati rilasciati dall’Istituto superiore di sanità, in Italia vivono circa 130.000 persone sieropositive. Dati preoccupanti anche considerando che dal 2017 al 2018 le infezioni registrare sono passate da 3.561 a 2.847.

O forse preferisci un’organizzazione focalizzata sull’infezione nell’Africa subsahariana? Dove la prevalenza dell’HIV negli adulti ha raggiunto 1 su 20 persone e 1,2 milioni di persone muoiono ogni anno di HIV/AIDS.

Se sei interessata a sensibilizzare le persone nella prevenzione dell’HIV/AIDS con un contributo, dai un’occhiata alle fantastiche ONG qui di seguito:

Partecipa alla veglia a lume di candela.

La maggior parte delle principali città ospita veglie a lume di candela durante la Giornata mondiale contro l’AIDS. Un modo per commemorare visivamente le persone perse a causa della malattia e promettere di combatterla in futuro.
Controlla online per trovare una veglia vicino a te per mostrare il tuo supporto. Non dimenticare di condividere la tua esperienza sui social media per garantire che l’idea venga portata in primo piano per i tuoi amici e per dimostrare il tuo sostegno.

Se desideri Info sul mio sito su come guadagnare online, non esitare a contattarmi.

Perché la giornata mondiale dell’AIDS è importante

L’AIDS ha un impatto su tutti.

Nei suoi primi anni, alcuni hanno criticato la Giornata mondiale contro l’AIDS per essersi concentrati su bambini e giovani, ma gli organizzatori miravano ad alleviare parte dello stigma che circonda la malattia in quanto colpisce principalmente gli uomini gay, aumentando il riconoscimento come malattia familiare.
L’HIV/AIDS è la principale causa di morte tra le donne in età riproduttiva, a livello globale, e di 1,8 milioni di nuove infezioni da HIV nel 2016, il 43% era tra le donne.

Arrivare a zero!

Dal 2012, il tema pluriennale della Giornata mondiale contro l’AIDS ha portato a zero nuove infezioni da HIV, zero morti per malattie legate all’AIDS e zero discriminazioni.
Nel 2016, le nuove infezioni tra le giovani donne di età compresa tra i 15 e i 24 anni sono state del 44% più elevate rispetto a quelle degli uomini nella stessa fascia di età, il che suggerisce che le morti di alto profilo legate a AIDS di celebrità maschili come Freddie Mercury, Robert Mapplethorpe e Rock Hudson hanno ha continuato a oscurare la realtà dei nuovi tassi di infezione tra le donne nell’immaginazione pubblica.
La Giornata mondiale contro l’AIDS cerca di sfidare queste percezioni e proteggere tutti.

Equalizzazione dell’accesso al trattamento.

La ricerca mostra che lo stigma associato al lavoro sessuale e alle popolazioni LGBT, a livello internazionale, è un fattore crescente nell’accesso ineguale a un trattamento efficace.
I finanziamenti internazionali per l’AIDS hanno iniziato a diminuire per la prima volta nel 2015, ma ancora meno della metà di coloro che soffrono di HIV/AIDS hanno accesso a trattamenti antiretrovirali in tutto il mondo.
Non è mai stato più importante attirare l’attenzione sulle disuguaglianze nel trattamento, al fine di fermare la sua diffusione una volta per tutte!

E non dimenticare: “Fallo quando vuoi, ma fallo protetto!” 😉

© Copyright 2014-2019 | La Vicina di Casa ® | Tutti i diritti sono riservati | E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE.

[email protected]

Disclaimer

Le dichiarazioni e le testimonianze utilizzate e pubblicate in questo sito rappresentano dei risultati possibili. Non vi è tuttavia alcuna garanzia che tutti quanti possano raggiungere lo stesso esito, in quanto variabile nel tempo, basato su capacità individuali, esperienze personali ed impegno profuso.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?