Anorgasmia, la mancanza degli orgasmi

Anorgasmia, la mancanza degli orgasmi

Anorgasmia. Cosa vuole dire? Non è una parolaccia, ne una novità piccante ma uno status comune a moltissime donne. Uno status le cui origini sono ancora oscure e che spesso viene semplificato parlando di “frigidità”.

L’anorgasmia è l’incapacità di raggiungere orgasmi. Le statistiche nel 2020 parlano chiaro: quasi la metà delle donne finge l’orgasmo durante il rapporto sessuale almeno una volta l’anno. L’anorgasmia non si riferisce però alla volta in cui non siamo riuscite a fingere il celeberrimo mal di testa, amiche mie.
L’anorgasmia parla di un’attitudine costante e duratura dell’incapacità di raggiungere un orgasmo, alle volte da sempre.

Una donna che soffre di anorgasmia si eccita e molto spesso ha voglia di preliminari o di un rapporto sessuale, ma non riesce a raggiungere l’orgasmo o, se ci riesce, lo fa con molta difficoltà. Nell’anorgasmia coitale la donna riesce a raggiungere l’orgasmo con la masturbazione, ma non con il rapporto sessuale. Perché?

Molti medici stanno svolgendo delle ricerche per arrivare a comprendere questo fenomeno e, le prime risposte, parlano di quattro fattori.

Il primo fattore è legato all’assunzione di sostanze psicotrope e antidepressive. Droga o farmaci ormonali possono impedire l’orgasmo, per questo è bene parlarne con il medico e cercare una soluzione. L’orgasmo, vi ricordo, è una dose naturale di felicità per tutto il vostro corpo e il vostro cervello e il mancato raggiungimento può comportare ansia e frustrazione per una donna.

Il secondo fattore che può indurre l’anorgasmia è di tipo fisico: ci può essere una disfunzionalità del pavimento pelvico. In questo caso è bene rivolgersi ad un ginecologo e, senza paura, parlare di questa opzione e ascoltare i suoi consigli.

Sei alla ricerca di opportunità lavorative che ti facciano guadagnare velocemente?
Richiedi subito tutte le Info cliccando qui o visita la nostra Guida!

Il terzo fattore e anche il più comune, è di tipo psicologico. Inibizioni personale, ansia da prestazione, eccessivo autocontrollo.
Queste paure possono bloccare il nostro orgasmo, paralizzando il nostro cervello e quindi il nostro corpo. Possono derivare da educazioni rigide o da episodi del nostro passato, ma è sempre bene parlarne con il partner. Molto spesso, queste paure, sono di entrambi e basta una chiacchierata per farle svanire come neve al sole. Lo psicologo, altrimenti, sarà il vostro medico personale o di coppia.

Un quarto fattore, in realtà molto discusso, riguarda la stimolazione clitoridea. Su quest’argomento esiste ancora molta confusione e molti tabù. Molte donne si vergognano a chiederla al partner, ma per la loro sessualità è una condizione necessaria per raggiungere l’orgasmo. Non c’è niente di male nel richiederla e, se il partner non è molto esperto, occorrerà solo guidarlo.

Quali possono essere dei rimedi che aiutano questo problema?

Per risolvere il problema, qualora ci fosse, la cosa migliore è conoscere a fondo il nostro corpo. Come? Con la masturbazione e la libertà di farlo dove volete come volete e con quale sex toy, eventualmente, volete.
Inoltre ricordate di non farvi stressare troppo e, nel caso accadesse, fermatevi, procuratevi un buon orgasmo, e riniziate con calma. Parlate con il vostro partner, a lungo. Spiegategli i problemi e trovate insieme la soluzione.
Io sarò qui, sempre pronta a darvi alcuni consigli e novità. Sempre con voi.

© Copyright 2014-2020 | La Vicina di Casa ® | Tutti i diritti sono riservati | E' VIETATA LA RIPRODUZIONE ANCHE PARZIALE.

[email protected]

Disclaimer

Le dichiarazioni e le testimonianze utilizzate e pubblicate in questo sito rappresentano dei risultati possibili. Non vi è tuttavia alcuna garanzia che tutti quanti possano raggiungere lo stesso esito, in quanto variabile nel tempo, basato su capacità individuali, esperienze personali ed impegno profuso.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?